Gestione del tempo: imparare a dire No usando l'effetto cactus
8425
single,single-post,postid-8425,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive

Gestione del tempo: impara a difenderti dall’ “effetto cactus”

Tornare ad essere padrone della gestione del tuo tempo ha tanto a che vedere con questa immagine del cactus, lo sapevi?

Sì, perché il cactus è una metafora che ci spiega come vanno le cose.

Spesso la giornata ti diventa troppo corta (o troppo piena di impegni) perché tu continui durante tutto il giorno ad appoggiare le dita su questo cactus, che chiameremo il “cactus della gestione del  tempo”, o anche il cactus dei tuoi “Sì detti in modo non spontaneo”.

Ogni volta che tocchi il cactus, una spina ti entra nel dito e tu devi concentrarti su di essa per eliminarla, altrimenti non puoi andare avanti. shutterstock_151193954

Ti ricorda qualcosa? Non è forse simile a quello che ti succede quando il tuo capo o un tuo cliente ti chiede di fare “ancora questa attività”, in aggiunta ad altre 100. E tu vorresti rifiutarti di farla (o quantomeno posticipare), ma alla fine dici di sì e la fai lo stesso? E così, proprio come con la spina del cactus, fino a che non te ne liberi… non puoi fare altro.

 

Allora vale la pena chiedersi: perché continui a sfiorare questo poco maneggevole “cactus della gestione del tempo”?

Ti presento i due personaggi che ti spingono a toccare di continuo il tuo “cactus della gestione del tempo”:

  1. il primo è il Burattino, che rappresenta la tua tendenza ad agire telecomandato. Ciò che ti ‘manovra’ è la tua voglia dburattinoi essere sempre all’altezza della immagine che hai di te. Ti dici cose del tipo “un affidabile professionista come me è sempre disponibile per il cliente” e con questa frase hai già raccolto almeno 4 o 5 spine dal caro amico “cactus della gestione del tempo”
  2. il secondgestione tuo tempoo è il Soldatino, che ti porta a essere sempre il numero 1, e che quindi ti obbliga a non dire di no per non essere da meno rispetto ai tuoi colleghi o ad altre persone con cui, anche indirettamente o ‘virtualmente’, ti confronti. Nella mia esperienza di 17 anni di management aziendale  e di coaching ho visto persone confrontarsi con i loro predecessori (che avevano lasciato la posizione da oltre 1 anno!) o con i loro colleghi di altre sedi che nemmeno conoscevano, ecc.

 

Ma allora non ci sono alternative al soldatino o al burattino?

Certo che ce ne sono, ne vedremo più di una nei miei corsi di formazione.

Se vuoi approfondire ti aspetto nei miei webinar (formazione on line live e gratuita) o sul mio canale YouTube 

Paola – FreeNauta’s Coach

No Comments

Post a Comment