Mente Narrativa: e rendi la tua idea indimenticabile - Freenauta's bar
23700
single,single-post,postid-23700,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive
Storie (1)

Mente Narrativa: e rendi la tua idea indimenticabile

shutterstock_253493992Non occorre essere oratori che attraggono centinaia di persone ad ogni evento, per avere bisogno di rendere le proprie idee interessanti e coinvolgenti.

Quanto volte ogni giorno ha il compito di illustrare a clienti e potenziali partner i tuoi progetti, iniziative, le attività o i prodotti che proponi?

E, soprattutto, quanta parte del tuo successo è legata al fatto di riuscire, in tutte queste occasioni, a lasciare una impressione duratura?

Comunicare, nel mondo del lavoro e del business significa destreggiarsi con l’AIDA, ossia fare in modo che il tuo interlocutore sia:

  1. colpito  da ciò che hai detto (A)
  2. interessato personalmente a ciò che gli proponi (I)
  3. attratto e provi il  desiderio di saperne di più o di acquistare (D)
  4. e che compia l’azione che a te interessa (A).

Non è cambiato nulla, infine, da quando questo semplice modello, chiamato proprio AIDA, è stato proposto (a fine 800, pensa!!!).

Nel senso che se non catturi l’attenzione e non generi interesse nel tuo interlocutore, il tuo progetto potrà anche essere il migliore del mondo, ma per lui sarà come se non esistesse…

Oggi ti voglio quindi fornire lo strumento più semplice e, possiamo dire, naturale, per aiutarti con l’AIDA.

Racconta al tuo cliente una storia.

shutterstock_208347706

L’essere umano è per natura attratto dalle storie, che ricorda meglio di dati e numeri e altre informazioni rivolte all’emisfero sinistro.

Nelle storie ci sono emozioni, sorprese, sogni, a cui la nostra mente non resiste.

Pensa ai poemi omerici che inizialmente veniva trasmessi per via orale, sono centinaia di storie sopravvissute per secoli, e conterranno quanti numeri… forse 50 o 100?. Da quanti anni non studi Ulisse o la Maga Circe, ma l’idea chiave delle loro storie ti è rimasta ancora in mente, vero?

Ora torna con la mente al tuo business plan di 10 anni fa, o a una pianificazione economica di quel periodo: puoi dire lo stesso? Il ricordo è altrettanto facile da richiamare? Di solito, la risposta è no.

Ricordiamo in media più Ulisse che il bilancio del 2006 (Anche se qui occorre ricordare che ci sono diversi tipi di intelligenze, e chi ha una spiccata mente matematica potrebbe avere ancora a mente qualcosa di quel bilancio..). E soprattutto, se ti ri-raccontassero la storia di Ulisse in poche frasi, sarebbe veloce per te richiamarla alla mente (mentre nel caso del bilancio dovresti rivedere i dati un po’ da vicino e le cose andrebbero un po’ più per le lunghe, giusto?).

Tutto questo per dire che se il tuo prodotto/progetto/idea entra nella mente del tuo cliente sotto forma di storia, avrai tantissimi vantaggi.

L’entrata sarà più agevole, la permanenza più lunga.

Non male vero?

Per riuscirci, io utilizzo un metodo che unisce storytelling, mappe mentali, self-coaching.

  • Storytelling: per creare un eroe un antagonista, che il tuo cliente possa ricordare, e che voglia sconfiggere;
  • Mappe mentali: per creare chiare connessioni tra la storia (anche semplicissima) e tutti i contenuti di business che vuoi trasmettere (anche complessissimi)
  • Self-coaching: per aiutarti a spingere più in alto la tua asticella e farti diventare via via un oratore sempre più trascinante.

 

Il primo trucco da conoscere è:

“ogni idea/prodotto/servizio può essere racchiusa in una immagine potente ed evocatrice”

 

 

 

 

Una volta che avrai creato la storia adatta al tuo business, la sintesi sarà proprio quella singola immagine che ti permette di ricordare tutto il resto.

Tutta la storia che hai preparato per il tuo cliente si condensa in quell’immagine. Perciò…  facendo vedere al tuo cliente l’immagine, lui si ricorderà di te.

Non ti pare un buon vantaggio?

Vuoi un esempio subito?

Ecco il piccolo video che ho creato per spiegare cosa sia il Coaching FREENAUTA , ossia il mio progetto di SELF-COACHING.

Guarda il video e scopri la forza di una storia.

Immagina quanto tempo ci avrei messo a dire le stesse cose con un classico powerpoint…

Ora scegli l’immagine chiave.

Per me l’immagine chiave sono I PAMPLONI (il talento). Per te?

 

Svolgo regolarmente corsi sullo Storytelling e MappeMentali: il 10 Giugno puoi iscriverti a “IL BRUNCH DELLE IDEE”, a Vado Ligure, SV (vedi pagina eventi).

 

Ti aspetto per rendere il tuo business una favola che cattura il tuo pubblico,

 

Paola Ricca

FreeNauta’s Coach

No Comments

Post a Comment