Paura di fallire? Io sono una Coach e me la cavo così...
8317
single,single-post,postid-8317,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive

Paura di Fallire? Io, pur essendo una Coach, non sono immune. E tu?

paura
Questa mattina mi sono svegliata con la paura di fallire. Sì, esatto, ironicamente proprio con quella sensazione che, per lavoro, aiuto gli altri ad allontanare.
Quando arriva un’emozione così forte la mia abitudine, dettata da anni di lavoro come manager (e non come Coach!), mi porta a razionalizzare. Solo che agire in base a questa abitudine è come cercare di mettermi a leggere una carta orografica (io non sono certo un’esperta) nell’istante in cui realizzo di essermi persa in una escursione in montagna: so -razionalmente- che mi aiuterà a uscire dalla situazione, ma mi è impossibile riuscire a farlo fino a che la mia mente è agitata dal pensiero che sono sola, che ho camminato 10 ore e sono stanca e che sta per fare buio.
E a te capita di sentirti così a volte? Tu cosa fai in quei casi? 

Ecco allora, mi fa piacere condividere alcuni passi che ho seguito oggi per uscire da questo poco simpatico ‘bosco’ in cui ero finita:

  1. Libera la mente: mettiti in un punto tranquillo di casa tua e respira. Non sono un’esperta di meditazione, ma so usarla quando serve: respira pensando al solo fatto che respiri. 
  2. Fatti le domande utili: non puoi domare un’emozione con la razionalità. Limitati ad osservarla. Di che colore è questa Paura? Dove la senti? In quale parte del corpo?
  3. Porta l’immaginazione al di là del momento presente: Cosa ti impedisce di fare questa emozione di Paura? Se non ci fosse, cosa potresti fare di diverso?
  4. Vivi nel nuovo scenario: fermati a vedere, con gli occhi della mente, te stesso che agisci una volta che ti sei liberato di questa emozione? Come stai? Cosa c’è di diverso?
  5. Ritorna qui e procedi per passi (piccoli): comincia a pensare a ciò che è alla tua portata fare in questo momento: qualcosa che ti sia utile, e al tempo stesso sia fattibile e quindi incoraggiante. Non pretendere troppo.

Viviamo spesso pretendendo da noi stessi incredibili performance. Perché pensiamo che con la mente si possa vincere tutto. Solo che non è così, servono i tempi e i metodi. Ecco perché credo nelle #MappeMentali che ti propongo nel mio lavoro di Coach, per il semplice fatto che mi aiutano ogni giorno a vivere la vita che voglio, anche quando a strada è nel bosco, in salita, faticosa.

E , perché negarlo, anche quando ho Paura.

Se vuoi approfondire ti aspetto nei miei webinar (formazione on line live e gratuita) o sul mio canale YouTube 

Paola – FreeNauta’s Coach

 

No Comments

Post a Comment