Il Visual Thinking e le Mappe aiutano il coaching - Freenauta's bar
25193
single,single-post,postid-25193,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive

Il Visual Thinking e le Mappe aiutano il coaching

FINALMENTE UN METODO CHE ISPIRA I TUOI CLIENTI E RAFFORZA IL TUO STILE COME COACHexecutive coaching con mappe mentali (1)

L’essenza del Coaching è rendere le persone protagoniste delle loro scelte. E allora perchè non renderle anche abili nel Self-Coaching in modo che possano, con il tuo aiuto, dare da soli forma al loro potenziale?

La risposta è che fino ad ora mancava un metodo che consentisse di comunicare in modo immediato e facile da ricordare i concetti di Coaching, facendo in modo che ognuno potesse farli propri e usarli ogni giorno.

TESTATI PER ANNI SU DI ME: COACHING E MAPPE

Sono Executive Coach certificata, e mi sono innamorata del Coaching nei miei 17 anni di lavoro in azienda, dove ho visto coi miei occhi quanto possa aiutare le persone a raggiungere i loro risultati.

Nella mia carriera ho applicato il Coaching sui miei collaboratori prima, e sui miei clienti poi: la svolta è arrivata quando ho iniziato a puntare a renderli autonomi, ossia Self-Coach di loro stessi.

Per riuscirci ho adattato il metodo scientifico della metacognizione, delle mappe mentali e concettuali ai temi del Coaching, usando metafore e domande potenti per generare nuovi punti di vista.

Il ruolo delle Mappe Mentali è duplice 1) rendere immediato l’apprendimento e 2) fare ricordare i contenuti persino nei momenti di tensione.

 

Con i nostri percorsi (corsi di gruppo o individuali) potrai imparare in brevissimo tempo tutto ciò che c’è da sapere sulla metacognizione e diventare visual Facilitator dei tuoi clienti.

Aggiungi la metacognizione e la facilitazione visiva ai tuoi strumenti di coach, e diventa unico nel tuo lavoro.

No Comments

Post a Comment